“tornavi ogni sera sempre più bella capelli chiari lunghi e carnagione scozzese in alta moda Chanel. trasparente la gioia brillava come un collier di diamanti e la mondanità invadente s’accontentava di un coinvolgimento a distanza dichiarandoti impegnata a tempo pieno in un amore impensabile. folgorata dal mio eccentrico complesso di superiorità eri complice perfetta e mi premiavi con un lungo bacio tessendo segretamente le trame di tutte le illusioni. innocentemente mi amavi senza che t’importasse d’altro fuorché di amarmi e l’innocenza non si pone domande tutt’al più sono sublimi …già in sé hanno la risposta. poi la notte si dedicava a noi premurosa tenendosi una scorta di piccoli miracoli fino all’alba. dove sono ora tengo aggiornato il registro delle mie sconfitte. è conciso ed essenziale ma per quel che ti riguarda sono più di mille pagine. anche apprensivo un sogno mi è ricorrente. vi si invertono le parti: sono io che sto morendo e sei tu che mi consoli.”

– Alberto Valli Fassi von Karuck Soheve. “Alle nostre deboli tracce” copyright 2014

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...