“Nei prossimi secoli… e se non fosse vero non lo direi… vivrò tra ruderi preziosi avvolti dall’edera che medita millenni o nei prati celesti dove sostano gli aironi del tempo, prima d’alzarsi nel cielo dell’eterna migrazione… Vivrò lì al caldo sole dell’estate senza fine alla ricerca delle mie deboli tracce. Una condizione è posta… dovrete ricordarvi di me. Solo così oltre l’esistenza consumata potrò rivivere… e mi prenderò cura dei vostri sogni…solo posando una mano sull’atlante degli atlanti ovunque voi siate io sarò. ”

– Alberto Valli Fassi von Karuck Soheve. “Alle nostre deboli tracce” copyright 2014

Annunci

11 pensieri su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...